Alla Nasa 22 miliardi di dollari nel 2020‎

Alla Nasa 22 miliardi di dollari nel 2020‎

Sarebbero 22,75 i miliardi di dollari destinati alla Nasa dalla sottocommissione dell’Appropriations Committee nel Senato americano. Dopo l’approvazione del disegno di legge il budget dell’Agenzia governativa partirà di slancio per l’anno 2020, dato che l’importo assegnato sarà superiore di 1,25 miliardi di dollari a quello ricevuto nel 2019, e svetta per 435 milioni di dollari su quello preventivato a giugno dalla Camera……..

leggi l’ articolo su globalscience.it                                  clicca qui

Fraccaro è Mr. Spazio. Ecco le sue sfide, da Siviglia a Bruxelles

Fraccaro è Mr. Spazio. Ecco le sue sfide, da Siviglia a Bruxelles

Da Giancarlo Giorgetti a Riccardo Fraccaro, da Lega a M5S. Il premier Conte ha affidato nuovamente al sottosegretario la delega per le politiche spaziali e aerospaziali, compresa la guida del Comint con tanti dossier urgenti sulla scrivania. La priorità? La ministeriale dell’Agenzia spaziale europea di novembre, con un occhio anche a ciò che si muove a Bruxelles……………….

leggi l’ articolo su formiche.net                          clicca qui

Intelligenza artificiale nell’Aeronautica: al via l’hackathon di Leonardo

Intelligenza artificiale nell’Aeronautica: al via l’hackathon di Leonardo

Intelligenza artificiale nell’Aeronautica: al via l’hackathon di Leonardo

L’Aeronautica Militare Italiana e Leonardo, azienda italiana attiva nei settori della difesa, dell’aerospazio e della sicurezza,  hanno lanciato. in collaborazione con SMAU, una sfida rivolta a start-up, università e sviluppatori per identificare soluzioni che, usando l’Intelligenza Artificiale, ottimizzino le attività di manutenzione e addestramento nel contesto dell’Aeronautica. AIRtificial Intelligence è il secondo hackathon messo in scena in Italia incentrato sulla logistica aeronautica militare dopo “Airathon” nel 2018, un’occasione per costruire un ecosistema in cui conoscenza, abilità e talento delle start-up nel campo dell’AI (reti neurali e apprendimento profondo, apprendimento automatico, Web semantico e PNL) si incontrano con università, industria, organizzazioni e l’aeronautica. Un evento virtuale, che si terrà il 7 novembre, sarà una sfida online in cui i partecipanti saranno valutati per la loro soluzione e quindi selezionati per l’evento finale. Oracle, il partner tecnologico dell’evento, supporterà con materiali di auto-addestramento rapido, tutorial di avvio ed esercitazioni pratiche. Oracle fornirà anche l’autotest su OCI, che ogni sfidante sarà in grado di attivare autonomamente e l’ambiente demo.

L’11 e il 12 dicembre 2019, tutti i partecipanti che hanno superato la fase di selezione prenderanno parte alla maratona di due giorni ospitata nella sede dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche a Firenze in cui si una giuria di esperti selezionerà le due migliori soluzioni. La squadra vincitrice riceverà un premio in denaro di €3.500 , mentre il secondo classificato riceverà la somma di € 1.500 in riconoscimento del suo lavoro e impegno.

Per maggiori dettagli sulla sfida consulta il documento relativo alla “Challenge”.

Per iscriversi alla competizione compila il formleggi l’informativa sulla privacy e firma la liberatoria per l’uso delle immagini.

ESTRATTO CONVENZIONE OPERATIVA SUI DOTTORATI DI RICERCA INDUSTRIALI

ESTRATTO CONVENZIONE OPERATIVA SUI DOTTORATI DI RICERCA INDUSTRIALI

 ESTRATTO CONVENZIONE OPERATIVA 

SUI DOTTORATI DI RICERCA INDUSTRIALI fra CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche e CONFINDUSTRIA Confederazione Generale dell’Industria Italiana 

Roma, maggio 2018 

PREMESSA 

La presente Convenzione si inserisce nell’ambito dell’attuazione del Patto per la ricerca e innovazione che il CNR e Confindustria hanno siglato il 20 febbraio 2013, con l’obiettivo di cooperare per realizzare programmi di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale e per diffondere l’innovazione, in risposta alle esigenze di natura tecnologica ed economica delle imprese, in particolare piccole e medie, nonché dell’economia del Paese. 

Finalità 

Il CNR e Confindustria (di seguito congiuntamente definite le “Parti”) si impegnano a collaborare per sviluppare percorsi, di durata triennale, a partire dall’anno 2018-2019, di Dottorati industriali e di Dottorati innovativi a caratterizzazione industriale di altissimo profilo scientifico e con particolari requisiti di qualità, di innovazione tecnologica, di internazionalizzazione, presso imprese singole o associate che svolgono attività industriali dirette alla produzione di beni o servizi, con l’obiettivo di contribuire all’alta formazione dei giovani mediante la ricerca, favorire la creazione dei “nuovi e migliori posti di lavoro” auspicati dalla Strategia di Lisbona e aumentare il potenziale innovativo delle imprese direttamente coinvolte nel progetto. 

Ciò per contribuire alla competitività e all’internazionalizzazione dell’industria italiana e rafforzare gli strumenti per reclutare i talenti generati nel Paese, collocandoli nel posto giusto per portare avanti progetti di innovazione e ricerca nelle imprese. 

Requisiti dei progetti di dottorato 

In tale ambito, i requisiti minimi richiesti per queste tipologie di progetti di dottorato sono: 

 che siano progetti finalizzati alle aree tematiche individuate dalla Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente: 

1. Aerospazio 

2. Agrifood 

3. Blue Growth 

4. Chimica Verde 

5. Design, creatività e Made in Italy 

6. Energia 

7. Fabbrica Intelligente 

8. Mobilità Sostenibile 

9. Salute 

10. Smart, Secure and Inclusive Communities 

11. Tecnologie per gli Ambienti di Vita 

12. Tecnologie per il Patrimonio Culturale 

 che Confindustria individui le imprese singole o associate interessate a partecipare al progetto; 

 che il CNR partecipi con i suoi istituti più idonei in relazione al progetto e individui gli atenei disponibili; 

 che sia il CNR che Confindustria e le industrie interessate al dottorato collaborino con l’ateneo o gli atenei individuati per la definizione del tema e dei contenuti del dottorato, per l’individuazione dei requisiti dei candidati e per la gestione del corso di dottorato; 

 che lo studente sia affiancato da due tutors, uno nel contesto della ricerca (Università o CNR) e uno nell’impresa; 

 che lo studente svolga parte della sua attività nell’impresa e parte in un laboratorio del CNR; 

 che una parte del percorso si svolga presso imprese e/o Centri di ricerca all’estero. 

Procedura di selezione 

Le borse di dottorato di ricerca nell’ambito della presente Convenzione sono da considerarsi aggiuntive rispetto a corsi di dottorato esistenti nelle università italiane. E’ possibile anche ipotizzare, nel caso in cui il numero di borse relative ad uno stesso tema scientifico sia sufficiente e ci sia l’interesse da parte di un ateneo italiano, l’attivazione di un nuovo corso di dottorato sui temi proposti. In entrambi i casi le proposte delle borse di dottorato da erogarsi nell’ambito della presente Convenzione, saranno selezionate, viste le specifiche competenze delle Parti, da Confindustria, attraverso le industrie singole o associate interessate a collaborare al progetto, che identificherà gli specifici ambiti di ricerca che siano esplicitamente orientati a ricadute industriali di interesse, e dal CNR che avrà il compito, tramite il suo Consiglio Scientifico, di selezionare i progetti da sostenere sulla base del loro valore scientifico e di ricerca. Per l’attivazione dei singoli dottorati saranno definiti accordi specifici, con tutti i dettagli operativi e finanziari, tra imprese/Associazioni industriali interessate, CNR ed Università coinvolte. 

Risorse finanziarie 

Le risorse finalizzate al sostegno dei percorsi di dottorato di ricerca saranno rese disponibili congiuntamente e in parti uguali da CNR e dalle imprese, individuate da Confindustria, anche tra esse aggregate (es. Reti di imprese, cluster, associazioni, …..), che si impegnano formalmente a finanziare il progetto. 

Durata 

La presente Convenzione ha una durata di quattro anni rinnovabile.