English EN Italian IT
CALL STRAORDINARIA ESA BUSINESS APPLICATIONS: lo Spazio risponde al Covid19

CALL STRAORDINARIA ESA BUSINESS APPLICATIONS: lo Spazio risponde al Covid19

La Fondazione E. Amaldi, in qualità di Piattaforma Ambasciatoriale nazionale del programma ESA Business Applications, è lieta di presentare una nuova opportunità, che si rivolge a micro, piccole e medie imprese e a grandi aziende italiane interessate a produrre servizi o beni per il contrasto al Covid19.

Il bando Space in Response to Covid 19, supportato dal Ministero dell’Innovazione e Digitalizzazione, dall’Agenzia Spaziale Italiana e dal Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, prevede il finanziamento a fondo perduto di progetti dimostrativi che saranno co-finanziati all’80% per le MPMI e al 50% per le grandi aziende.

Le proposte presentate dovranno utilizzare tecnologie dello spazio e riguardare due ambiti di applicazione: salute ed educazione a distanza. I progetti dovranno essere avviati in tempi brevi dalla loro approvazione.

Il bando è parte integrante della Call to Action, Innova per l’Italia, un’iniziativa congiunta del Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano, del Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli e del Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, insieme a Invitalia e a sostegno della struttura del Commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus Domenico Arcuri.

L’Agenzia Spaziale Italiana ha promosso questo bando e ha già garantito ufficialmente a ESA l’autorizzazione al finanziamento dei progetti italiani per 2,5 milioni di euro di cui 1,5 milioni nel settore della salute ed 1 milione per l’educazione a distanza.

L’ASI mette inoltre a disposizione gratuitamente l’utilizzo di capacità satellitare ove richiesto e necessario.

OBIETTIVI PRINCIPALI

– Aiutare i cittadini e i professionisti italiani del settore sanitario ed educativo ad affrontare le sfide dell’epidemia coronavirus;
– Supportare lo sviluppo e l’adozione di servizi nel campo della salute e dell’educazione per sostenere la comunità italiana nella reazione allo scoppio del coronavirus;
– Dimostrare il vantaggio offerto dall’utilizzo di risorse spaziali integrate con altre nuove tecnologie in queste circostanze straordinarie;
– Offrire agli operatori economici l’opportunità di distribuire e dimostrare soluzioni applicative basate sullo spazio a vantaggio di cittadini, autorità locali e imprese.
I servizi proposti saranno distribuiti in Italia e potranno inoltre essere dimostrati in altre aree geografiche e paesi, a beneficio delle comunità di utenti che si trovano ad affrontare sfide eccezionali simili.

FOCUS TEMATICI
I partecipanti sono invitati a proporre progetti dimostrativi che affrontano gli argomenti della sanità o dell’istruzione.
–> Esempi di aree tematiche (ma non limitate a) per il tema Sanità:
– Diagnosi remota
– Monitoraggio digitale remoto
– Diagnostica, trattamento iniziale e follow-up attraverso la condivisione tra medici e ospedali di file di dati di grandi dimensioni contenenti informazioni sui pazienti
– Supporto (in tempo reale) o formazione al personale medico che utilizza sistemi di videoconferenza
– Pianificazione delle risorse mediche
– Follow-up dei pazienti affetti da altre malattie
– Risanamento di aree infette
–> Esempi di aree tematiche (ma non limitato a) per il tema Istruzione:
– E-learning
– Fornitura a distanza di formazione e istruzione per insegnanti e discenti
– Interazione sociale “virtuale” per coinvolgere gli alunni
– Formazione elettronica e conferenza elettronica per imprenditori

IL VALORE AGGIUNTO DELLE TECNOLOGIE SPAZIALI
–> La navigazione satellitare (SatNav) può:
– Monitorare i movimenti dei pazienti che non sono ricoverati in ospedale
– Produrre dati di geolocalizzazione dei pazienti da condividere tra medici e ospedali
– Tracciare e instradare veicoli di emergenza / ambulanze
– Consentire il posizionamento dell’utente e di qualsiasi tipo di oggetto in ambiente VR / AR
– Convalidare l’accesso ai contenuti di formazione / apprendimento in base alla posizione degli alunni e al momento in cui l’accesso viene effettuato

–> Le comunicazioni via satellite (SatCom) possono:
– Fornire connettività laddove le comunicazioni terrestri sono insufficienti
– Abilitare il monitoraggio remoto attraverso la trasmissione dei dati del sensore
– Essere un backup per i sistemi terrestri

–> I dati di Osservazione della terra (SatEO) possono:
– Fornire dati contestuali sulla consapevolezza situazionale per la mappatura epidemiologica
– Fornire la raccolta di dati per la produzione di immagini e mappe, ad es. fornire parametri pertinenti nell’ambiente VR / AR utilizzato per corsi specifici (ad es. mappe geografiche, siti storici)

È obbligatorio sviluppare soluzioni basate su almeno una risorsa spaziale. Se pertinente, altre tecnologie come la realtà aumentata / virtuale, l’intelligenza artificiale / l’apprendimento automatico possono essere integrate nella soluzione end-to-end.

OFFERTA 
finanziamenti per €2,5M suddivisi in €1,5M nel settore salute e €1M nel settore educazione. Il bando di gara finanzierà progetti dimostrativi co-finanziati all’80% per le PMI e al 50% per le grandi aziende. La data di lancio sarà il 31 marzo 2020 e la chiusura il 20 aprile 2020.

PROCESSO DI SOTTOMISSIONE
Il processo segue un approccio in due fasi:
1. Invio dell’Outline Proposal entro il 20 aprile 2020, alle 13:00 CET.
2. Gli offerenti la cui proposta quadro è valutata positivamente, saranno invitati dall’Agenzia a preparare una proposta completa. Le proposte complete devono essere presentate tramite l’ESA-star entro il 18 maggio 2020, entro le 13:00 CET.

REGISTRAZIONE
Il Prime e tutti i subcontractor devono registrarsi tramite esa-star, per poter scaricare i documenti ufficiali di gara da EMITS (che saranno disponibili non appena il bando sarà aperto) e presentare la loro proposta.
CONTATTACI PER ULTERIORI INFORMAZIONI SU COME PARTECIPARE.

 Copia qui lo “short link” a questo articolo
www.geoforall.it/kfqq3

 

Coronavirus, “Roma Drone Conference 2020” rinviata al 16 giugno

Coronavirus, “Roma Drone Conference 2020” rinviata al 16 giugno

Rinviata per l’emergenza coronavirus la “Roma Drone Conference 2020”, settima edizione del principale evento professionale italiano dedicato alle tecnologie e al mercato dei Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (SAPR). La conferenza, inizialmente prevista per il 31 marzo, si svolgerà invece martedì 16 giugno sempre presso l’Università Europea di Roma. “La decisione di posticipare questo evento si è rivelata inevitabile dopo le ultime disposizioni del governo circa il contenimento dell’epidemia di coronavirus”, ha spiegato Luciano Castro, presidente dell’associazione Ifimedia e organizzatore dell’evento. “La scelta è stata presa di concerto con i due co-organizzatori della conferenza, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) e l’Università Europea di Roma, con l’auspicio di poterla svolgere regolarmente il 16 giugno, due settimane prima dell’attesa entrata in vigore del nuovo Regolamento europeo sui SAPR previsto per il prossimo 1 luglio”. Alla “Roma Drone Conference 2020” parteciperanno centinaia di esperti, operatori e professionisti, provenienti da tutta l’Italia. La prima sessione riguarderà l’entrata di vigore del nuovo Regolamento europeo sui SAPR. Esperti di ENAC, EASA, UNAVIA e D-Flight ne illustreranno in dettaglio tutti i contenuti, confrontandosi con professionisti, operatori, industria del settore e associazioni di categoria. Saranno anche anticipate le novità che potranno essere introdotte nei prossimi mesi in ambito europeo. La seconda sessione, invece, offrirà un’approfondita panoramica sulle tecnologie, le sperimentazioni e le future applicazioni dei progetti Urban Air Mobility e U-Space per l’impiego di droni in ambito urbano e BVLOS (Beyond Visual Line Of Sight, volo oltre la linea del visibile), anche alla luce del recente Protocollo d’Intesa firmato tra il Ministero per Innovazione Tecnologica e Digitalizzazione e l’ENAC per l’avvio del progetto “Innovazione e Mobilità”. La “Roma Drone Conference 2020” ha ricevuto i patrocini di ministero della Difesa, CNR, ENEA, ENAV, RINA e Ordine degli Ingegneri di Roma e Provincia. La manifestazione è supportata da un gruppo di aziende specializzate: D-Flight (main sponsor), Aerovision (sponsor), EuroUSC Italia, Cabi Broker e Dronezone. News e informazioni sono disponibili su www.romadrone.it

 

 

Cristina Leone: gli appuntamenti del CTNA non sono annullati, ma solo rimandati.

Cristina Leone: gli appuntamenti del CTNA non sono annullati, ma solo rimandati.

Gentili colleghi, l’emergenza da Covid-19 non ha risparmiato i molti appuntamenti che il Cluster tecnologico Nazionale dell’ Aerospazio aveva in serbo. Appuntamenti che non sono annullati, ma solo rimandati a quando l’epidemia in corso sarà superata. Tra questi, segnaliamo:

  • Giornate della Ricerca Accademica Spaziale inizialmente previsto nelle giornate del 11-12 Marzo p.v. è al momento posticipato al 21-22 Aprile.

L’ ASI  con il supporto del COMINT e del MUR, organizza le “ Giornate della Ricerca Accademica Spaziale “, evento finalizzato alla ricognizione delle più innovative attività di ricerca accademica di interesse spaziale e dell’offerta formativa in tale ambito. Al fine di stimolare nuove collaborazioni questa prima edizione si focalizzerà sui seguenti temi: Analisi dati e immagini; Cybersecurity; Materiali avanzati; Strumentazione scientifica e Proximity operations.

Durante la prima giornata dell’evento (21 APRILE) potrebbe intervenire l’astronauta Luca Parmitano nella tappa del post-flight tour della missione Beyond.

Il presidente dell’ ASI Giorgio Saccoccia   invita il CTNA e le imprese associate a partecipare all’ evento che prevede una sessione plenaria il primo giorno con i contributi degli atenei, mentre nel secondo giorno la costituzione di 5 gruppi di lavoro sulle tematiche sopracitate alle quali i soci del CTNA ed i loro associati sono invitati a partecipare attivamente.

Maggiori dettagli sul sito: www.asi.it/event/giornate-della-ricerca-accademica-spaziale

  • Mediterranean Aerospace Matching inizialmente pianificato per il prossimo 25-27 Marzo presso l’aeroporto di Grottaglie è stato rinviato al prossimo Ottobre.

Il Mediterranean Aerospace Matching è un evento promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ICE-Agenzia, la Regione Puglia, in collaborazione con ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile). L’evento è dedicato all’evoluzione delle tecnologie nel settore dell’aerospazio, con un focus particolare sulle tecnologie “unmanned”.

Il CTNA parteciperà con un suo proprio stand che raggruppa in un singolo spazio espositivo tutti i Distretti soci del CTNA. All’interno dello stand sarà programmato un evento pubblico di presentazione della Roadmap Tecnologica del Cluster. Inoltre il Presidente del CTNA sarà relatore nel convegno organizzato per approfondire le diverse tematiche dell’aerospazio. Infine il CTNA supporterà la competizione coordinata da ICE che permetterà alle PMI innovative e startup di settore di incontrare i grandi gruppi industriali, istituti di credito e potenziali investitori internazionali.

Per ulteriori informazioni: www.medaerospace.it

 

 

Rinviata ad ottobre la Fiera internazionale dell’aerospazio di Grottaglie

L’assessore allo Sviluppo economico, Mino Borraccino, comunica che in considerazione dell’emergenza sanitaria in corso di livello globale la Regione Puglia, d’intesa con ENAC e ITA/ICE, Aeroporti di Puglia, DTA, Pugliasviluppo e ARTI, ha deciso di confermare l’Evento internazionale “Mediterranean Aerospace Matching” che si terrà all’Aeroporto di Grottaglie e di solo rinviare ad Ottobre la data di realizzazione.. “Abbiamo chiesto uno sforzo a tutti i partners ed all’industria aeronautica ed aerospaziale,  affinchè non si diffonda la sfiducia e che si sviluppi la resilienza del tessuto produttivo della Puglia.. La conferma dell’Evento internazionale sull’Aerospazio, fortemente appoggiata dal Presidente della Regione, Michele Emiliano,  consente alle imprese partecipanti ad un’importante prova di responsabilità e positività nei confronti del pubblico internazionale che attende questa iniziativa come punto di riferimento dei nuovi programmi di sviluppo della Space Economy.Aeroporti di Puglia, Distretto Tecnologico Aerospaziale, Pugliasviluppo ed ARTI intendono, quindi, proseguire nella promozione della competitività della filiera dell’aerospazio in Puglia, anche attraverso azioni tese a qualificare il sistema di offerta locale ed a valorizzare la relativa immagine, soprattutto sui principali mercati esteri, nonché a promuovere opportunità di investimenti produttivi in Puglia e di collaborazione, sia in ambito commerciale-produttivo, sia nel campo della ricerca ed innovazione. L’Evento Internazionale “Mediterranean Aerospace Matching” di Grottaglie consentirà di:
• collocare l’aeroporto di Grottaglie nel panorama internazionale del mercato aerospaziale;

  • attrarre investimenti in Puglia;
  • favorire l’incontro tra le “eccellenze aerospaziali”, i buyer internazionali e il territorio pugliese.Con il contributo di tutti la Puglia supererà questa difficile e, si auspica, temporanea situazione nell’ottica della salvaguardia degli investimenti effettuati negli ultimi anni e che hanno determinato le performance che tutti ci ammirano”.

Posticipato l’evento ASI, “Giornate della Ricerca Accademica Spaziale” previsto per l’ 11-12 marzo p. al 21-22 APRILE.

 

Con riferimento all’ oggetto e alla email precedente inviata informiamo che, a seguito dei recenti accadimenti in merito alla diffusione del COVID-19 e preso atto delle intervenute Ordinanze adottate dalle Autorità territorialmente competenti ai fini del contenimento, della riduzione, del rischio di contagio e della gestione dell’emergenza epidemiologica in diverse aree del Paese, l’Agenzia Spaziale Italiana ha deciso di posticipare l’evento “Giornate della Ricerca Accademica Spaziale” inizialmente previsto nelle giornate del 11-12 marzo p.v. al 21-22 APRILE.

L’Agenzia Spaziale Italiana conferma l’interesse espresso da parte degli stakeholders coinvolti ed il sostegno istituzionale ricevuto dal Ministero della Ricerca e Università, dal COMINT e dalla CRUI. È invero confermata la volontà di presentare, al termine dell’evento, dei possibili strumenti di collaborazione proposti dall’Agenzia per dare seguito a quanto emergerà dal contributo dei partecipanti.

L’Agenzia Spaziale Italiana è lieta di comunicare che durante la prima giornata dell’evento (21 APRILE) potrebbe intervenire l’astronauta Luca Parmitano nella tappa del post-flight tour della missione Beyond. Maggiori dettagli sul sito e sul programma che Vi verrà inviato non appena disponibile.

Le ricordiamo che sarà necessario effettuare una nuova registrazione al sito https://www.asi.it/event/giornate-della-ricerca-accademica-spaziale/