Tra l’adesione italiana al Tempest e l’assegnazione al commissario francese della nuova Direzione generale dell’Unione europea per la Difesa, sono giorni intensi per il settore. In questo contesto si inserisce anche la questione F-35, ora nelle mani del nuovo esecutivo targato Giuseppe Conte. D’altronde, il Joint Strike Fighter non rappresenta……………………..

leggi l’ articolo su airpress.it                    clicca qui