Utilizzando i dati mineralogici e chimici di sedimenti argillosi ottenuti dal rover della Nasa Curiosity, un team di ricercatori del Tokyo Institute of Tecnology ha ricostruito la composizione chimica dell’acqua che una volta era presente sulla sua superficie. I dettagli della ricerca sono riportati su Nature………

leggi l’ articolo su mediainaf.it                      clicca qui