Le immagini realizzate dai radar ad apertura sintetica (Sar) sono ampiamente utilizzate nel campo dell’archeologia sin dagli anni ottanta. Oggi, tra i satelliti dotati di questa tecnologia, Cosmo-SkyMed, sviluppato dall’Agenzia Spaziale Italiana in collaborazione con il Ministero della Difesa, e i satelliti Sentinel, del programma europeo di monitoraggio ambientale Copenicus…….

Leggi l’articolo su globalscience.it                      clicca qui