“Una riduzione dei 90 F-35 previsti innescherebbe un conseguente abbassamento dei livelli di sicurezza nazionale”. Conversazione con l’ex capo di Stato maggiore dell’Aeronautica, che ricostruisce le esigenze operative alla base della scelta sul caccia di quinta generazione. Intanto, il mondo va avanti e l’Italia “resta in ritardo”La competizione strategica globale si muove tra ipersonico………..

leggi l’ articolo su airpressonline                       clicca qui