Entrambe le azioni sono vendute in borsa anche se il ceo di Leonardo, Profumo, ha respinto l’idea, lanciata dall’ex premier Renzi, di una fusione con il costruttore navale. Una logica industriale che Banca Akros non vede poiché Fincantieri realizza l’80% dei suoi ricavi con le navi da crociera, mentre per il restante 20% (navi militari) ha già un’iniziativa per collaborare con Naval Group………

leggi l’ articolo su milanofinanza.it                  clicca qui