I lavori sporchi sulla Luna e su Marte potrebbero essere delegati ai robot. Non bracci e ingranaggi metallici o macchine da lavoro tradizionali, ma da robot “mollicci” che sembrano fatti di gelatina. Ci stanno lavorando Chuck Sullivan e Jack Fitzpatrick del laboratorio makerspace di Langley,dove per conto della NASA stanno sviluppando una serie di attuatori per robot morbidi………….

leggi l’ articolo su tomshw.it         clicca qui