Alla vigilia dei 50 anni dal primo passo umano sulla Luna, un nuovo studio suggerisce come combattere gli effetti del “mal di spazio”. Restando cioè stabilmente ancorati al suolo terrestre dopo aver trascorso un periodo prolungato in assenza di gravità.  La ricerca, pubblicata oggi sulla rivista dell’American Heart Association Circulation………….

leggi l’ articolo su globalscience.it            clicca qui