Il cielo è lì che aspetta, e dal 15 giugno, assieme a teatri e cinema, un via libera sostanziale per riaprire ce l’hanno anche osservatori astronomici e planetari. Sostanziale perché nei decreti di Governo, ministeri ed enti locali non si fa menzione di queste realtà……..

Leggi l’articolo su repubblica.it                                         clicca qui