Fin dall’infanzia, il fisico Roberto Cingolani, primatista italiano nell’intelligenza artificiale e nei robot, aveva ben chiaro che cosa non voleva essere da grande: un brocco. «A 10 anni correvo in bici, a 20 capii che non sarei mai arrivato al Giro d’Italia: smisi. A 18 facevo kick boxing nell’accademia di ……….

leggi l’ articolo su corriere.it                  clicca qui