La pandemia è riuscita soltanto a ritardare di pochi mesi l’avanzata dei grandi vettori spaziali che in questi anni sono stati progettati e costruiti pensando al nuovo futuro che ci aspetta, sotto tutti i punti di vista, scientifico, tecnologico ed economico (e pure militare)……

Leggi l’articolo su corriereinnovazione.it                   clicca qui