È una piccola start up sarda entrata nel radar di una azienda leader britannica: e assieme si stanno ora lanciando nel mondo per aiutare a vincere la sfida del trasporto aereo nell’era del coronavirus. L’idea è semplice: utilizzare le proprietà germicide dei raggi ultravioletti per «bonificare» gli aeroporti……..

Leggi l’articolo su corriereinnovazione.corriere.it                        clicca qui