Grazie ai nuovi chip multi-core e agli algoritmi d’intelligenza artificiale che si stanno sviluppando nei laboratori del Jpl della Nasa, i futuri rover per l’esplorazione marziana riusciranno a percorrere tragitti molto più lunghi e in molto meno tempo ………..

leggi l’ articolo su mediainaf                              clicca qui