English EN Italian IT
PMI e STARTUP: nuovi modelli di business

PMI e STARTUP: nuovi modelli di business

SPARKLING SPACE

Conversando di aerospazio

Webinar :PMI e STARTUP: nuovi modelli di business

MARTEDÌ 26 MAGGIO ORE 17.00

Si apre una nuova era per l’aerospazio: per le PMI è una sfida all’innovazione e alla scoperta di nuovi mercati.Le StartUp possono offrire opportunità di crescita e nuove collaborazioni: come crearle, come trovare finanziamenti e quali strategie accompagnano lo sviluppo di un rinnovato management.

Il CTNA comincerà un ciclo di Webinar dedicato alle tematiche che riguardano le nostre attività in ambito aeronautico, spaziale ed in generale sui temi di innovazione, anche in  sinergia con altri Cluster. Obiettivo di questa iniziativa è connettere la nostra comunità e continuare a relazionarsi per organizzare il futuro post Covid con nuove idee e prospettive.  Faremo due tipologie di Webinar, strategico-prospettico e tecnico.

Il primo appuntamento è previsto il 26 Maggio p.v. alle ore 17.00 sul tema “PMI E STARTUP: nuovi modelli di business”  per scoprire quali sono le strade per accedere a nuovi business e individuare le opportunità di crescita. Si discuterà insieme di come avviarle, dove trovare i finanziamenti e quali strategie accompagnano lo sviluppo di un rinnovato management.

Questi i nominativi dei relatori che interverranno e con i quali si discuterà di innovazione:

Cristina Leone ­­ – Presidente CTNA

Alessandra Lomonaco – Start Up  Strategy and Innovation Advisor
David Avino – Argotec Managing Director
Nicoletta Amodio – Responsabile Industria e Innovazione  di Confindustria

Modera: Letizia Davoli – astrofisico, giornalista scientifico

 

Seguirà una sessione aperta alle domande, in cui ogni partecipante potrà intervenire.   

Per informazioni ed iscrizioni consultare il sito ufficiale: old.ctna.it 

Nuova governance per l’Associazione ‘Distretto Aerospaziale Piemonte’

 

Si è riunita mercoledì 13 maggio l’Assemblea dei Soci dell’Associazione Distretto Aerospaziale Piemonte (DAP) per il rinnovo della governance. La prof.ssa Fulvia Quagliotti già docente di Meccanica del Volo presso il Politecnico di Torino è stata nominata Presidente e nel Consiglio Direttivo sono entrati due nuovi componenti: Marco Silvano, responsabile delle collaborazioni istituzionali e dei programmi di ricerca e sviluppo cofinanziati per GE Avio Aero, e Dimitri De Vita, consigliere delegato della Città Metropolitana per lo sviluppo economico e le attività produttive, in rappresentanza del Comune di Torino e della Città Metropolitana di Torino. Era inoltre presente per l’Assessorato Regionale Giovanni Bertolone, già Amministratore Delegato di Alenia Aermacchi e Presidente del cluster tecnologico nazionale aerospazio.

All’Assemblea hanno partecipato anche gli assessori regionali Andrea Tronzano e Fabrizio Ricca. “Il distretto aerospaziale piemontese è un esempio di quanto si dovrebbe realizzare per lo sviluppo strategico del Piemonte – sottolinea l’Assessore alle Attività Economiche e produttive Andrea Tronzano – Ecosistema produttivo, collaborazione tra Grandi Imprese e PMI, tecnologia, effetti sulla filiera delle PMI, trasversalità sono la garanzia di ampia e stabile occupazione. Abbiamo creato le condizioni perché il distretto diventi uno dei fulcri del sistema aerospaziale, insieme alle grandi imprese presenti sul territorio piemontese, come Leonardo, Thales Alenia, GE Avio Aero, alla sistemistica e alle PMI siano in grado di operare per fare un’ulteriore salto di qualità nazionale e internazionale”

“Il comparto aerospaziale, per il Piemonte, è strategico. Qui operano realtà competitive a livello internazionale. È evidente, però, che la crisi legata alla pandemia di COVID-19 rischi di avere importanti ripercussioni su un settore che si basa proprio sugli spostamenti – afferma l’assessore regionale all’internazionalizzazione Fabrizio Ricca -. È proprio per questo che le aziende e le istituzioni devono fare squadra per affrontare le sfide di innovazione e ripresa che il futuro ci pone davanti. Con le competenze che abbiamo maturato fino a oggi, non ho dubbi, usciremo da questa emergenza più forti di prima”.

Sincero apprezzamento è stato espresso dagli Assessori e da tutti i Soci nei confronti di Tom Dealessandri e Franco Tortarolo, rispettivamente Presidente e Vice Presidente uscenti, per l’attività svolta e l’impegno profuso.

La nuova Presidente si è impegnata a lavorare già dalle prossime settimane con tutti i Soci per mettere a punto il programma di attività del DAP, partendo dal lavoro già fatto negli ultimi mesi, così da essere subito pronti ad avviare iniziative e progetti di supporto al settore aerospaziale, anche in considerazione delle gravi criticità poste dall’emergenza COVID-19 che stanno avendo un impatto significativo sul settore e determineranno la necessità di rivedere piani e strategie di sviluppo delle imprese.

 

 

 

“Restarting by transforming”, così può ripartire l’aerospazio in Campania

Un programma di assistenza e strumenti per le aziende del settore messo a punto dal Distretto aerospaziale campano in collaborazione con il Gruppo Ambrosetti.

Quali sono gli impatti della crisi sanitaria ed economica mondiale sul settore aerospaziale? In quale misura le competenze nel campo della tecnologia e dell’innovazione del settore aerospaziale possono essere messe a valore per far fronte alle necessità dell’attuale situazione di crisi? A queste domande risponde Restarting by transforming, l’iniziativa a sostegno delle imprese del settore del Distretto aerospaziale della Campania in collaborazione con The European House Ambrosetti.

L’International Air Transport Association valuta in circa 25 milioni i posti di lavoro a rischio con il crollo della domanda di viaggi aerei per la crisi Covid-19. A livello globale, i mezzi di sussistenza di circa 65,5 milioni di persone dipendono dall’industria aeronautica, compresi settori come i viaggi e il turismo. Tutte le compagnie aeree del mondo stanno rivedendo pesantemente i loro programmi di ampliamento e rinnovo delle flotte aeree, con conseguenze immaginabili sulle produzioni aeronautiche. Conseguenze gravissime e difficilmente recuperabili. C’è poi il fermo dei programmi di ricerca e sviluppo del settore, dai quali dipendono in maniera rilevanti le capacità di poter competere sull’innovazione tecnologica nei prodotti e nei processi.

”In collaborazione con The European House Ambrosetti -spiega il presidente del Dac, Luigi Carrino (nella foto)- il Distretto ha messo a punto uno specifico programma di assistenza per i propri soci e con una molteplicità̀ di strumenti. Il settore aerospaziale è un settore trainante per l’economia. Non a caso, nell’ultima strategia di politica industriale europea, l’unico settore verticale che la Commissione ha indicato è stato proprio l’aerospazio. Una scelta che conferma la capacità del settore di avere ricadute dirette e importanti sull’economia e sulla capacità di innovazione dei Paesi”.

L’iniziativa mette in campo competenze per lavorare con esperti italiani ed internazionali su tematiche di business acceleration, management, marketing, leadership, digitalizzazione ed innovazione. Eroga alle aziende del Distretto aerospaziale della Campania dei toolkit di resilienza per fronteggiare l’emergenza Covid-19. Il toolkit consiste nella consulenza personalizzata per analizzare e gestire i rischi derivanti dall’emergenza corona virus di ciascuna organizzazione. Fornisce, oltre all’analisi dei rischi, un piano di intervento denominato “Contingency plan” per rilanciare il business con maggiore efficacia e rapidità ed essere pronti a cogliere le opportunità nonché a gestire le minacce dello scenario post crisi.

L’ articolo di Edurdo Cagnazzi su affaritaliani.it

https://www.affaritaliani.it/economia/restarting-by-transforming-cosi-puo-ripartire-aerospazio-in-campania-671685.html?fbclid=IwAR2_3t3DzQVA4eKkxMQsSYfODAct39xC60s4N2TYF7pdMamXa37rxAWCmBQ